NON SOLO CALCIO

 
 
 


 

 

Funzionamento dei muscoli


I muscoli scheletrici sono le strutture del corpo che permettono il movimento.
Sono formati da fibre muscolari raccolte in fasci il cui funzionamento dipende da diversi fattori che vanno dall’impulso nervoso alla quantità di sangue che vi arriva, alle caratteristiche biochimiche dell’organismo in generale e delle cellule in particolare.
L’allenamento serve per far aumentare di volume la fibra muscolare, (non di numero) e da migliorare la coordinazione, cioè l’azione in sinergia tra i diversi gruppi muscolari.
Come ogni cellula i muscoli utilizzano l’ATP, AdenosinTriPhosfato per garantirsi l’energia necessaria per la contrazione. Questo ATP viene prodotto grazie alla presenza di ossigeno e principi alimentari ridotti a molecole di glucosio. La produzione di questo ATP può seguire due strade: Aerobica e Anaerobica
La differenza tra le due sta nella disponibilità non solo di ossigeno, ma anche degli strumenti necessari per elaborarlo. Uno sforzo continuato ma a livelli non massimali, come la corsa o il nuoto stabiliscono un certo equilibrio tra il consumo di ossigeno e la sua elaborazione per produrre ATP. In questo caso il metabolismo è aerobico e la fatica si fa sentire in fase avanzata, per esaurimento fisico del muscolo.
Negli sport in cui lo sforzo sia contratto in pochi secondi o minuti, ma al massimo dell’intensità, oppure negli sport misti, la cellula muscolare non ha il tempo per produrre ATP pacatamente e quindi sceglie una strada più rapida che, a fronte di una pronta fornitura di energia, porta alla produzione di acido lattico, un prodotto di rifiuto che deve essere smaltito dal muscolo stesso e che accelera la sua condizione di stanchezza.
L’allenamento del muscolo serve ad ottimizzare il consumo dell’ossigeno e la sua produzione e quindi porta al raggiungimento della fase di stanchezza in un momento più tardivo.
Studi recenti danno molta importanza anche al calcio molecolare che è il responsabile reale della contrazione delle fibre muscolari e della capacità che ha il muscolo di ripristinare il corretto livello di questo minerale nella circolazione del sangue a livello locale.
Da quanto detto si può già comprendere alcuni fattori importanti per la preparazione di un atleta.
Intanto è fondamentale l’allenamento. Questo serve per dare tono alla fibra muscolare, ma anche per abituarla a gestire correttamente l’ATP e produrre dunque l’energia necessaria per lo sforzo sia aerobico che anaerobico.
In secondo luogo è importante l’alimentazione, sia perché fornisca le corrette materie prime per il funzionamento muscolare, sia perché mantenga l’organismo in grado di reagire allo sforzo. Nell’ambito dell’alimentazione di fondamentale importanza sono i cibi che portano vitamine e minerali, come frutta, verdura, cereali integrali di buona qualità, come riso, farro, orzo, legumi. Sempre in questo ambito non va dimenticata l’importanza di una corretta idratazione che consente di mantenere un flusso costante di liquidi per “ripulire” l’organismo.
Terzo fattore è quello fisico vero e proprio, rappresentato dal trattare bene i muscoli. Questo lo si può fare sia grazie all’allenamento dosato, dove gli sforzi siano progressivi e, soprattutto se massimali, a muscolo “caldo” cioè ben irrorato dal sangue, sia con lo stretching fatto con costanza e con manovre corrette. L’allungamento del muscolo andrebbe fatto sempre, sia prima che dopo l’allenamento. Ideale è riscaldare i muscoli con una corsa o esercizi leggeri, quindi effettuare lo stretching, fare l’allenamento vero e proprio e concludere la seduta con almeno altri 10 minuti di allungamento.
Gli esercizi di stretching vanno vatti correttamente, con concentrazione, rispettando la corretta postura del muscolo e ogni posizione va mantenuta da 10 a 30 secondi, accompagnata da una respirazione profonda, preferibilmente addominale.

 

 


 

PRECEDENTI "DOCPAGE"

Attività fisica e riduzione
del rischio cardiovascolare

I crampi

Il fumo e lo sport

Traumi

Frequenza cardiaca e allenam.

Il ginocchio e i suoi traumi